Dream On

Just another WordPress.com weblog

Archive for settembre 2007

me cago en el amor (Tonino Carotone)

Posted by manrico su sabato, 22 settembre, 2007

È UN MONDO DIFFICILE È VITA INTENSA
felicita’ a momenti e futuro incerto
il fuoco y l’aqua, concerto e calma
sonata di vento
è nostra piccola vita..
è nostro grande cuore!

porque voy a creer yo en el amor
si no me entiende,
no me comprende
tal como yo soy
porque voy a creer yo
en el amor

si me traiciona y me abandona
cuando mejor estoy
lo sabemos muy bien,
entre tu y yo
y aunque parezca
no tienes la culpa
la culpa es del amor!

È UN MONDO DIFFICILE È VITA INTENSA
felicita’ a momenti e futuro incerto

no puedo convencer a mi corazon
si yo no dudo y estoy seguro
que el tiene razon
no voy a asesinar esa sensacion
si yo la quiero,
yo la deseo,
aunque mi dolor

yo no quiero sufrir,
pero’ aqui estoy
y estoy sufriendo,
no me arrepiento
me cago en el amor!

È UN MONDO DIFFICILE È VITA INTENSA
felicita’ a momenti e futuro incerto
il fuoco y l’aqua, concerto e calma
sonata di vento
nostra piccola vida..
e nostro grande cuore!

porque voy a creer yo en el amor
si no me entiende,
no me comprende
tal como soy yo
porque voy a creer yo
en el amor

si me traiciona y me abandona
cuando mejor estoy
lo sabemos muy bien,
entre tu y yo
y aunque parezca
no tienes la culpa
la culpa es del amor!

yo no quiero sufrir,
pero’ aqui estoy
y estoy sufriendo,
no me arrepiento
me cago en el amor!
me cago en el amor!
ME CAGO EN EL AMOR!

È UN MONDO DIFFICILE È VITA INTENSA
felicita’ a momenti e futuro incerto
e concerto e calma, il fuoco y l’aqua,
sonata di vento
e nostra piccola vida..
e nostro grande cuore!

VITA MIA!
è un mondo difficile!

Annunci

Posted in Citazioni, Cultura, Filosofia, Life, Messaggi, Music, Riflessioni, Videos | 1 Comment »

Vivi la Vita

Posted by manrico su sabato, 15 settembre, 2007

C’era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino.
Decisero di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo. Cosi partirono tutti e tre con il loro asino.
Arrivati nel primo paese, la gente commentava: “Guardate quel ragazzo quanto è maleducato… lui sull’asino e i poveri genitori, già anziani, che lo tirano”. Allora la moglie disse a suo marito: “Non permettiamo che la gente parli male di nostro figlio.” Il marito lo fece scendere e salì sull’asino.
Arrivati al secondo paese, la gente mormorava: “Guardate che svergognato quel tipo…lascia che il ragazzo e la povera moglie tirino l’asino, mentre lui vi sta comodamente in groppa.” Allora, presero la decisione di far salire la moglie, mentre padre e figlio tenevano le redini per tirare l’asino.
Arrivati al terzo paese, la gente commentava: “Pover’uomo! dopo aver lavorato tutto il giorno, lascia che la moglie salga sull’asino. E povero figlio. Chissà cosa gli spetta, con una madre del genere! Allora si misero d’accordo e decisero di sedersi tutti e tre sull’asino per cominciare nuovamente il pellegrinaggio.
Arrivati al paese successivo, ascoltarono cosa diceva la gente del paese: sono delle bestie, più bestie dell’asino che li porta. Gli spaccheranno la schiena! Alla fine, decisero di scendere tutti e camminare insieme all’asino.
Ma, passando per il paese seguente, non potevano credere a ciò che le voci dicevano ridendo: guarda quei tre idioti; camminano, anche se hanno un asino che potrebbe portarli!

Conclusione: ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei.

Quindi: vivi come credi. fai cosa ti dice il cuore… ciò che vuoi…

Una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Quindi: canta, ridi, balla, ama…e vivi intensamente ogni momento della tua vita… prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi
Charlie Chaplin

Posted in Amici, blogging, Citazioni, Cultura, Filosofia, Friends, Life, Messaggi, Pensieri, Personal, Philosophy, Relax, Riflessioni, Thoughts | 2 Comments »

Da “IL PICCOLO PRINCIPE” di Antoine de Saint-Exupery

Posted by manrico su sabato, 15 settembre, 2007

In quel momento apparve la volpe.
“Buon giorno”, disse la volpe.
“Buon giorno”, rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.
“Sono qui”, disse la voce, “sotto al melo….”
“Chi sei?” domandò il piccolo principe, ” sei molto carino…”
“Sono la volpe”, disse la volpe.
” Vieni a giocare con me”, disse la volpe, “non sono addomesticata”.
“Ah! scusa “, fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
” Che cosa vuol dire addomesticare?”
” Non sei di queste parti, tu”, disse la volpe” che cosa cerchi?”
” Cerco gli uomini”, disse il piccolo principe.
” Che cosa vuol dire addomesticare?”
” Gli uomini” disse la volpe” hanno dei fucili e cacciano. E’ molto noioso!
Allevano anche delle galline. E’ il loro solo interesse. Tu cerchi le galline?”
“No”, disse il piccolo principe. ” Cerco degli amici. Che cosa vuol dire addomesticare?”
” E’ una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami…”
” Creare dei legami?”
” Certo”, disse la volpe. ” Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma.se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.”
” Comincio a capire”, disse il piccolo principe. ” C’è un fiore…. Credo che mi abbia addomesticato…”
“E’ possibile”, disse la volpe “capita di tutto sulla terra…”
“Oh! Non è sulla terra”, disse il piccolo principe.
La volpe sembrò perplessa:
” Su un altro pianeta?”
” Sì”
” Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?”
” No”
” Questo mi interessa! E delle galline?”
” No”
” Non c’è niente di perfetto”, sospirò la volpe.
Ma la volpe ritornò alla sua idea:
” La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me .Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio per ciò. Ma se tu mi addomestichi la mia vita,
sarà come illuminata. Conoscerò il rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi faranno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in
fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color d’oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai
addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano…”
La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:
” Per favore …..addomesticami”, disse.
” Volentieri”, rispose il piccolo principe, ” ma non ho molto tempo, però.
Ho da scoprire degli amici e da conoscere molte cose”.
” Non si conoscono che le cose che si addomesticano”, disse la volpe.” gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!”
” Che bisogna fare?” domandò il piccolo principe.
” Bisogna essere molto pazienti”, rispose la volpe.
” In principio tu ti sederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino….”
Il piccolo principe ritornò l’indomani.
” Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora”, disse la volpe.
” Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità.
Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore… Ci vogliono i riti”.
” Che cos’è un rito?” disse il piccolo principe.
” Anche questa è una cosa da tempo dimenticata”, disse la volpe.
” E’ quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora dalle altre ore. C’è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io
mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza”.
Così il piccolo principe addomesticò la volpe.
E quando l’ora della partenza fu vicina:
“Ah!” disse la volpe, “…Piangerò”.
” La colpa è tua”, disse il piccolo principe, “Io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi…”
” E’ vero”, disse la volpe.
” Ma piangerai!” disse il piccolo principe.
” E’ certo”, disse la volpe.
” Ma allora che ci guadagni?”
” Ci guadagno”, disse la volpe, ” il colore del grano”.
soggiunse:
” Va a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo”.
“Quando ritornerai a dirmi addio ti regalerò un segreto”.
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
“Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente” , disse.
” Nessuno vi ha addomesticato e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre.
Ma ne ho fatto il mio amico e ne ho fatto per me unica al mondo”.
E le rose erano a disagio.
” Voi siete belle, ma siete vuote”, disse ancora. ” Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei
che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro, Perché è lei che ho riparato col paravento. Perché su di lei ho ucciso i bruchi (salvo due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato
lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa” E ritornò dalla volpe.
” Addio”, disse.
“Addio”, disse la volpe. “Ecco il mio segreto. E’ molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.
” L’essenziale è invisibile agli occhi”, ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.
” E’ il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante”.
“E’ il tempo che ho perduto per la mia rosa…” sussurrò il piccolo principe per ricordarselo.
” Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare.
Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa…”
” Io sono responsabile della mia rosa….” Ripeté il piccolo principe per ricordarselo.

“<<Ecco il mio segreto. E’ molto semplice:
non si vede bene che col cuore.
L’essenziale è invisibile agli occhi>>.”

 

Posted in Amici, blogging, Citazioni, Cultura, Filosofia, Friends, Life, Messaggi, Pensieri, Philosophy, Riflessioni, Società, Thoughts | Leave a Comment »

Citazione

Posted by manrico su lunedì, 10 settembre, 2007

“Come comportarsi con gli amici? Come vorremmo che loro si comportassero con noi” Aristotele

Posted in Aforismi, Amici, blogging, Citazioni, Cultura, curiosità, Filosofia, Life, Pensieri, Personal, Philosophy | Leave a Comment »

La Storia dell’uccellino

Posted by manrico su lunedì, 10 settembre, 2007

“Mio nonno me la raccontava sempre. Allora questo uccellino non sapeva ancora volare, durante l’inverno in una notte fredda ruzzola giù dal nido e finisce sul sentiero, comincia a gridare – pio pio pio- come un matto e sta per morire di freddo, ma fortuna per lui ecco che arriva una vacca, lo vede e pensa di scaldarlo e così alza la coda ehhh plash! Una margherita bella e fumante grossa così;  l’uccellino al caldo è tutto contento tira fuori il capino e ricomincia – pi pio pi pio pi pio pi pio- più forte di prima, ma un vecchio coyote lo sente e arriva di corsa allunga una zampa e lo tira fuori dalla cacca, lo pulisce ben benino e poi,  ahmmm se lo ingoia in un solo boccone. Il nonno diceva che la morale c’è ma che bisogna trovarsela da soli.”

Morale:
Dove sta l’insegnamento?  Non tutti quelli che ti gettano la cacca addosso lo fanno per il tuo male, non tutti quelli che ti levano dalla cacca lo fanno per il tuo bene.

Per ultimo, quando sei nella merda, taci.

Posted in Amici, blogging, curiosità, Filosofia, Life, Pensieri, Philosophy, Riflessioni, Thoughts | 16 Comments »

Averetrentanni

Posted by manrico su lunedì, 10 settembre, 2007

“…Perché io mi diverto ad avere trent’anni, io me li bevo come un liquore i trent’anni: non li appassisco in una precoce vecchiaia ciclostilata su carta carbone. Ascoltami (…): sono stupendi i trent’anni, ed anche i trent’uno, i trentadue, i trentatré, i trentaquattro, i trentacinque! Sono stupendi perchè sono liberi, ribelli, fuorilegge, perché è finita l’angoscia dell’attesa, non è cominciata la malinconia del declino, perché siamo lucidi finalmente a trent’anni! Se siamo religiosi, siamo religiosi convinti. Se siamo atei, siamo atei convinti. Se siamo dubbiosi, siamo dubbiosi, senza vergogna. E non temiamo le beffe dei ragazzi perché anche noi siamo giovani, non temiamo i rimproveri degli adulti, perché anche noi siamo adulti. Non temiamo il peccato perché abbiamo capito che il peccato è un punto di vista, non temiamo la disubbidienza perché abbiamo scoperto che la disubbidienza è nobile. Non temiamo la punizione perché abbiamo concluso che non c’è nulla di male ad amarci se ci incontriamo, ad abbandonarci se ci perdiamo: i conti non dobbiamo più farli con la maestra di scuola e non dobbiamo ancora farli col prete dell’olio santo. Li facciamo con noi stessi e basta, col nostro dolore da grandi. Siamo un campo di grano maturo, a trent’anni, non più acerbi e non ancora secchi: la linfa scorre in noi con la pressione giusta, gonfia di vita. E’ viva ogni nostra gioia, è viva ogni nostra pena, si ride e si piange come non ci riuscirà mai più, si pensa e si capisce come non ci riuscirà mai più. Abbiamo raggiunto la cima della montagna e tutto è chiaro là in cima: la strada per cui siamo saliti, la strada per cui scenderemo.”

Oriana Fallaci – “Se il sole muore” – 1965

Posted in Amici, blogging, Cultura, curiosità, Filosofia, Friends, Life, Messaggi, Pensieri, Personal, Philosophy, Riflessioni, Thoughts | Leave a Comment »

Essere Uomo…

Posted by manrico su lunedì, 10 settembre, 2007

Neanche per un uomo la vita è facile, sai? Poiché avrai muscoli più saldi, ti chiederanno di portare fardelli più pesanti, ti imporranno arbitrarie responsabilità. Poiché avrai la barba, rideranno se tu piangi e perfino se hai bisogno di tenerezza. Eppure, o proprio per questo, essere un uomo sarà un’avventura meravigliosa: un’impresa che non ti deluderà mai. Essere un uomo significa essere una persona.

Oriana Fallaci
Lettera a un bambino mai nato

Posted in blogging, Cultura, curiosità, Filosofia, Life, Pensieri, Personal, Philosophy, Thoughts | Leave a Comment »

Riflessioni

Posted by manrico su domenica, 9 settembre, 2007

Le cose restano sempre tali, siamo noi poi che gli diamo un “valore”…

Manrico

Posted in Amici, blogging, Cultura, curiosità, Filosofia, Pensieri, Personal, Philosophy, Riflessioni | Leave a Comment »